NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Denominazione del procedimento:
Vendita di funghi freschi spontanei e/o vendita di porcini secchi sfusi

Descrizione del procedimento:
Per la vendita di:
- funghi freschi spontanei
- funghi porcini secchi sfusi
Chi esercita attività di commercio di prodotti alimentari ai sensi della normativa vigente, deve presentare segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) al Sindaco del Comune in cui ha sede l'attività.
La SCIA, anche limitatamente alla vendita di singole specie, è presentata da soggetti riconosciuti idonei dal Dipartimento di sanità pubblica dell'Azienda unità sanitaria locale all'identificazione delle specie fungine commercializzate, che possiedano adeguata conoscenza dei rischi connessi.
Alla vendita dei funghi freschi spontanei può essere adibito un preposto in possesso dell'idoneità di cui al comma 2; in questo caso alla SCIA dovrà essere allegata la dichiarazione di chi assume l'incarico di vendita.
Il commercio di funghi spontanei può effettuarsi su aree private in sede fissa o su aree pubbliche, esclusa la forma itinerante.
La vendita di funghi spontanei freschi in confezioni singole non manomissibili è consentita previa certificazione di avvenuto riconoscimento e accertata commestibilità da parte di micologi in possesso dell'attestato ai sensi del Decreto del Ministro della Sanità n. 686 del 1996 e iscritti nell'apposito Registro nazionale o regionale. Gli esercizi che commercializzano esclusivamente funghi in confezioni non manomissibili, singolarmente certificate da un micologo, devono presentare la SCIA. Il personale addetto alla vendita al dettaglio di funghi spontanei freschi non è tenuto ad acquisire l'idoneità alla vendita rilasciata dall’Azienda USL.

Riferimenti normativi:

  • Legge 23/08/1993, n. 352 e s.m.i.
  • D.P.R. 14/07/1995, n. 376
  • L.R. 02/04/1996 n. 6 modificata con L.R. 13/11/2001 n. 38, 14/04/2004 n. 7, 11/11/2011 n. 15
  • Art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241

Unita' organizzativa responsabile dell'istruttoria:
Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) e Sportello Unico dell'Edilizia (S.U.E.) - C.O.S.A.P.

Responsabile del procedimento:
Rosella Setti
Tel. 0532 899312 – Fax 0532 899270
Email: rosella.setti@comune.bondeno.fe.it

Soggetto competente per l’adozione del provvedimento finale:
Non previsto

Documenti da allegare alla SCIA:

  • autocertificazione attestante il possesso dei requisiti morali (antimafia);
  • attestato di idoneità alla vendita rilasciato dall’Azienda USL (tranne nel caso di esercizi che commercializzano esclusivamente funghi freschi spontanei in confezioni non manomissibili, singolarmente certificate da un micologo);
  • copia del documento di identità personale in corso di validità, se i documenti non sono firmati digitalmente;
  • copia del permesso di soggiorno per i cittadini extracomunitari in corso di validità.

Ufficio al quale rivolgersi per ottenere informazioni:
S.U.A.P. e S.U.E. - C.O.S.A.P. - Piazza Garibaldi n. 1 - 44012 Bondeno (FE)
Referenti:
Rosella Setti – tel. 0532 899312 – email rosella.setti@comune.bondeno.fe.it
Rosella Verri – tel. 0532 899264 – email rosella.verri@comune.bondeno.fe.it
Chiara D’Apice – tel. 0532 899226 – email chiara.dapice@comune.bondeno.fe.it

Modalità di accesso al servizio:

  • presso l’ufficio negli orari di apertura al pubblico nelle giornate di martedì e giovedì dalle ore 8,30 alle ore 13,00 e dalle ore 14,30 alle ore 16,30;
  • telefonica;
  • tramite posta elettronica certificata comune.bondeno@pec.it

Per ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso:

  • richiesta diretta all’ufficio negli orari di apertura al pubblico nelle giornate di martedì e giovedì dalle ore 8,30 alle ore 13,00 e dalle ore 14,30 alle ore 16,30;
  • informazioni telefoniche;
  • tramite posta elettronica certificata;
  • per visualizzare lo stato di avanzamento di ogni singola pratica trasmessa, l’utente può entrare nell’area web riservata utilizzando le proprie credenziali di accesso ottenute tramite istanza allo Sportello.

Termine  per la conclusione del procedimento:
La SCIA ha efficacia immediata a condizione che sia debitamente compilata e sottoscritta e completa delle dichiarazioni sostitutive richieste.
Il termine per il controllo dei requisiti dichiarati è di 60 giorni.

Il procedimento non è soggetto a silenzio assenso

Strumenti  di  tutela,  amministrativa  e  giurisdizionale:
In caso di divieto di prosecuzione attività, in applicazione del D.Lgs. 9 luglio 2010, n. 104, per violazione di legge, per incompetenza ed eccesso di potere, è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale di Bologna o in alternativa, al Presidente della Repubblica ai sensi del D.P.R. 24/11/1971, n.1199, rispettivamente entro 60 e 120 giorni.

Il link di accesso al servizio on line per la trasmissione della SCIA è il seguente:
https://accessounitario.lepida.it

Costo: nessuno

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn

left