NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Bondeno: notizie in primo piano

Aggiornamento Ponte della Rana

ricostruzione post sisma Tavola disegno 1

Nuovo passo avanti verso la costruzione del Ponte Rana, il cantiere post-sisma più atteso. In un nuovo incontro tenutosi presso il Municipio, la ditta assegnataria, Frantoio Fondovalle, ha assicurato di star chiudendo l'acquisto dei materiali.

La stipula del contratto per l’acciaio dovrebbe arrivare a giorni, comunque a febbraio, e in tal caso la consegna del materiale finito e pronto da assemblare dovrebbe essere entro settembre. «Ottime notizie dall’impresa – esordisce il sindaco, Simone Saletti –. Ormai ci vediamo faccia a faccia una volta al mese per tenere monitorati i progressi e per sciogliere ogni tipo di dubbio sul cantiere. L’altra notizia di rilievo – prosegue il primo cittadino – è che Frantoio Fondovalle sta già prendendo accordi con i gestori dei sottoservizi, ovvero le varie linee che transitano sotto l’attuale ponte, per programmare lo spostamento delle utenze sulla passerella ciclabile».

Lo spostamento dei sottoservizi è infatti la conditio sine qua non per l’inizio dei lavori: senza i bypass di acqua, luce, gas e telefono, infatti, il Ponte Rana non può essere demolito. «I progressi rispetto al mese scorso sono stati evidenti – commenta ancora Saletti –: possiamo ritenerci molto soddisfatti. Adesso si lavora su due fronti: da un lato, l’impresa dovrà concludere i contratti e assicurarsi le forniture, mentre dall’altro lato il nostro Comune lavorerà per informare puntualmente i cittadini e gli attori economici interessati dalla chiusura dell’infrastruttura».

In relazione a quest’ultimo proposito, sono tre i passi che l’Amministrazione intende compiere: «In primo luogo, un dialogo con le associazioni di categoria e con gli esercizi commerciali limitrofi al cantiere – sono ancora le parole del primo cittadino –: dobbiamo assicurare la tenuta delle attività della zona Ovest, dando risposte ai possibili quesiti. La seconda linea d’azione sarà quella di un incontro pubblico per informare i cittadini. Stiamo definendo i dettagli, e in relazione all’andamento della pandemia valuteremo se svolgere questo incontro informativo in modalità telematica. Infine – conclude Saletti –, l’informazione sul cantiere sarà passo-passo: sul nostro sito istituzionale verranno costantemente forniti aggiornamenti sullo stato dei lavori, in modo che i cittadini sappiano in ogni momento in quale fase della ricostruzione si trovi la struttura. Si parte quest’anno, a cavallo fra la primavera e l’estate, ed entro un anno i cittadini avranno un ponte nuovo, più sicuro e più scorrevole».

Il nuovo Ponte Rana è un cantiere da 2,3milioni di euro, il più importante per quanto riguarda la ricostruzione pubblica post-sisma, inserito nel pacchetto delle otto opere rimanenti, tutte in partenza nei prossimi mesi. Fra gli altri cantieri più imminenti: la costruzione della nuova ciclabile di via Malaguti, e la ricostruzione di Villa Borselli, quest’ultimo un cantiere curato da Ausl Ferrara.

In foto, un render della nuova struttura, fatte salve le migliorie estetiche.

Render Ponte Rana

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn
Altre notizie