avviso

L'Amministrazione ha emanato misure straordinarie per il sostegno alle attività di prossimità in locali con vetrina e microimprese artigiane ad impatto locale a seguito dell’emergenza da covid-19. Circa 100mila euro i fondi a disposizione.

Il bando è consultabile presso la sezione del sito web del comune 'bandi vari'.

Possono presentare richiesta per ottenere i contributi leseguenti due tipologie di attività:

1) imprese esercenti la propria attività di prossimità in locali aperti al pubblico con accesso e vetrine poste al piano terra. Sono esclusi i liberi professionisti iscritti in apposito albo, le banche, le attività finanziarie e assicurative, le farmacie (legge 2 aprile 1968, n. 475), i centri massaggi di benessere, le medie e le grandi strutture di vendita al dettaglio di cui all’art. 4, comma 1, lettere e) ed f) del D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 114 e s.m.i., le attività industriali;

2) microimprese artigiane in sede fissa regolarmente iscritte all’Albo delle Imprese Artigiane

Le domande devono essere presentate dal 5 al 25 novembre, termine ultimo.

Cosulta qui l'avviso pubblico

Scarica qui il modello di domanda

Per tutte le informazioni sul bando clicca qui

_______________________________________________

IL COMUNICATO STAMPA

Cento mila euro per il sostegno alle attività di prossimità in locali con vetrina e alle microimprese artigiane del territorio. Questo è l’intervento approvato dal comune di Bondeno a sostegno delle piccole attività locali colpite dall’emergenza da Covid-19.

«Uno stanziamento importante, frutto del continuo dialogo con le associazioni del territorio – commenta il sindaco, Simone Saletti –. Mi riferisco in particolar modo a Cna, Ascom e Confesercenti, che ringrazio, con le quali il dialogo è stato serrato, nella sola ottica di sostenere il territorio di Bondeno. Con un impegno di questo tipo – prosegue il primo cittadino –, si consentono la continuità, la ripresa e lo sviluppo del sistema economico locale. Non solo, gli obiettivi del bando sono volti anche a contrastare il fenomeno della dismissione degli usi commerciali nei contesti urbani, a preservare il senso di comunità e a favorire il ritorno a normali condizioni socio-economiche. Mai come quest’anno – chiosa Saletti – era necessaria un’azione concreta verso il mondo del commercio, della piccola-media impresa e dell’artigianato che li accompagnasse al di fuori del periodo pandemico, per continuare a valorizzare le eccellenze e le vetrine».

Nel dettaglio, sono previste due tipologie di contributo: una a base variabile, a partire da un minimo di 750euro sino ad arrivare a 1200euro, e una premialità aggiuntiva, dell’importo di 3mila euro per le nuove imprese (costituite dal 1 gennaio 2021 in poi), e dell’importo di 500euro per il subentro o ricambio generazionale delle attività esistenti. I 96.333,43 euro destinati al bando, questa la somma precisa stanziata dal Comune, potranno essere assegnati a due tipologie di attività: da un lato, le imprese esercenti la propria attività di prossimità in locali aperti al pubblico con accesso e vetrine al piano terra. Dall’altra parte, potranno beneficiare dei suddetti contributi anche le microimprese artigiane in sede fissa regolarmente iscritte all’Albo delle imprese artigiane.

«Sostenere le realtà del territorio è una priorità – commenta infine l’assessore alle Attività produttive, Michele Sartini –, specialmente in un momento di ripresa dopo la terribile emergenza sanitaria. Abbiamo il dovere di incoraggiare e incentivare la ripresa, e questa risulta essere una delle azioni più determinanti e incisive».

IL PUNTO DELLE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Molto favorevoli al bando si dicono Marco Pedini e Filippo Botti, rispettivamente presidente del direttivo imprenditori di Cna Alto ferrarese e responsabile di sede Cna Bondeno: «Questo intervento risulta dalle richieste di artigiani e imprenditori del territorio e fa parte di un percorso di collaborazione continuativa con il comune di Bondeno, che ringraziamo per l’impegno profuso. Confidiamo che la collaborazione possa sempre andare avanti sulla falsariga di queste occasioni».

Soddisfatto si dice anche Marco Amelio, presidente Ascom Confcommercio della delegazione di Bondeno, Cento e Terre del Reno: «Siamo a fianco delle imprese di vicinato nel loro lavoro quotidiano che passa anche attraverso l’innovazione e la riqualificazione delle loro attività, soprattutto in questo momento di ripartenza. Possiamo così sostenere, attraverso questo bando ad hoc, i processi di rigenerazione urbana dei nostri centri storici che sono il cuore pulsante economico e sociale delle città».

Visione positiva anche da parte di Edi Govoni presidente Confesercenti di Cento e Bondeno: «Troviamo il bando più che opportuno, specialmente in relazione al periodo attuale nel quale ogni strumento in termini di sostegno alla ripresa è gradito. Sostenere la presenza e le attività dei centri storici e più in generale urbani significa dare segnali importanti anche sotto il profilo della socialità. Confidiamo che il bando risponda a un criterio di semplicità, limitando al minimo la burocratizzazione delle procedure».