NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

"Café della Memoria", dal 7 ottobre

salute
Ormai rappresenta un punto di riferimento stabile, per chi desidera conoscere in maniera più approfondita il problema dell’Alzheimer e dei disturbi cognitivi, ed anche per il sostegno alle famiglie che devono fare i conti con tali patologie. Per tutti quanti, l’appuntamento torna ad essere quello con il “Café della Memoria”, organizzato grazie alla collaborazione con l’associazione Alzheimer “Francesco Mazzucca” Onlus, la direzione del Distretto Ovest dell’Azienda USL di Ferrara e l’Assessorato alle Politiche sociali del Comune di Bondeno.
Lunedì 7 ottobre è prevista l’apertura del ciclo di incontri (alle ore 14,30, nella consueta location del centro 2000 di viale Matteotti) in cui esperti e professionisti dialogheranno con le famiglie, in incontri conoscitivi e senza tecnicismi, che avranno lo scopo di favorire l’instaurazione di una relazione vera e propria con tutti i partecipanti.
 «Rispetto agli anni scorsi – dice l’assessore alle Politiche sociali, Francesca Piacentini – è cambiata la giornata della settimana dedicata a questo appuntamento, poiché il lunedì è stato ritenuto il giorno più adatto a tali incontri. Avremo come sempre percorsi di stimolazione della memoria, a favore degli anziani partecipanti, che saranno tenuti da una psicologa, ed altri spazi di formazione e supporto per i famigliari, seguiti da esperti. Senza dimenticare i servizi sociali, che avranno un ruolo importantissimo nel promuovere gli strumenti di sostegno ai care-giver e alle famiglie. Le quali hanno bisogno soprattutto di ascolto circa le dinamiche affrontate. Con una presenza del volontariato impegnato nel Terzo settore». Alla fine di ogni seduta, come sempre, un simpatico momento di socialità con la merenda ed un caffè da gustare tutti assieme (da qui, in fondo, il titolo dell’iniziativa: il “Café della memoria”).
Annamaria Ferraresi, Direttore del Distretto Ovest dell’Azienda USL di Ferrara, ricorda che “il progetto va inserito nell’ambito di un protocollo d’intesa provinciale, che ha aggregato tutti gli attori che ruotano attorno al paziente affetto da demenza ed alla sua famiglia  e rende possibile sostenere iniziative come questa, che esprime una robusta integrazione tra i servizi. Fondamentale è lo stretto legame con il Centro per i Disturbi Cognitivi (CDCD) della Casa della Salute di Bondeno, per il quale – già dal 2019 – è in atto un programma di riorganizzazione e rafforzamento”.
 
Invariata o quasi la squadra di professionisti in campo: dal medico geriatra Arturo Caffarelli, alla psicologa Cristina Tulipani (che si occuperà di riflessioni in gruppo tra i famigliari); inoltre, Micol Brunelli (psicologa) e Valeria Tinarelli (linguista) si occuperanno dell’attività dedicata agli anziani, mentre negli incontri rivolti ai parenti si potrà contare sulla consulenza di Paola Mazza (dirigente del settore sociale del Comune), Giovanna Bonura (assistente sociale), Susanna Farioli (avvocato e consulente per le questioni del diritto dei malati), oltre a personale laureato in scienze motorie del centro Zenit (che è una palestra certificata impegnata nell’attività motoria adattata). Si parte lunedì 7 ottobre e, quindi, si proseguirà a cadenza periodica fino a giugno 2020, con una pausa prevista per le festività natalizie. Per informazioni: 366-7890491 (dottor Arturo Caffarelli), 328-9237546 (dottoressa Cristina Tulipani).
 
Ufficio stampa Ausl di Ferrara
e
Ufficio del sindaco
Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn