NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Contro i rischi della rete, il 7 febbraio a Spazio 29

logo spazio 29

Rimangono a disposizione ancora pochi posti utili, per prendere parte al laboratorio

dal titolo: “Effetto social. 10 cose da sapere per essere più responsabili in rete”. Perché molti giovani, cresciuti all’alba della rivoluzione digitale e ormai noti come “nativi digitali”, spesso ignorano le conseguenze di comportamenti poco riflessivi adottati sul web. Dove, per capirsi, un post, una frase, o una foto possono rimanere online per anni o per sempre, cambiando la stessa vita delle persone. «Abbiamo cominciato da tempo un percorso di educazione del cittadino – spiega l’assessore alla cultura e alla scuola, Francesca Aria Poltronieri –. Lo scorso 24 gennaio, è stato organizzato un incontro con lo scopo di rendere i genitori maggiormente consapevoli di quello che succede in rete, mentre tempo fa (in collaborazione con il Consiglio comunale dei ragazzi) si è lavorato per contrastare il preoccupante fenomeno del “cyberbullismo”». Con il coinvolgimento attivo dei giovani studenti si è realizzato un video. Giovedì 7 febbraio, dalle ore 14, a Spazio 29, il laboratorio curato da Francesco Malaguti (espero di comunicazione digitale) cercherà di coinvolgere i giovani sulla questione dei social network (Facebook, Instagram, Twitter, Whatsapp) allo scopo di sensibilizzare su comportamenti responsabili in rete e sui pericoli celati dal web. «Non una classica lezione – assicurano da La Locomotiva, che organizza l’evento che è patrocinato dal Comune – ma un dialogo con i ragazzi su Internet, per incuriosirli e spingerli a farsi più domande prima di postare un contenuto e di cliccare su “pubblica” in rete». Per informazioni e prenotazioni: 0532-898117, oppure, spazio29@comune.bondeno.fe.it. 

 

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn