A BONDENO LA PRIMA STAMPA A CARATTERI MOBILI IN ITALIA

Bondeno (FE) con un convegno, che si è tenuto il 23 e 24 giugno 2013, si sono festeggiati i 550 anni della stampa del primo libro a caratteri mobili avvenuta qui nel 1463.
A Bondeno domenica 23 e lunedi 24 giugno 2013, presso la Pinacoteca “G. Cattabriga”, piazza G. Garibaldi 9, si è tenuto un importante convegno per celebrare i 550 anni della stampa del primo libro a caratteri mobili in Italia, avvenuta qui nel 1463.
L’incontro di studi, ricco di prestigiosi contributi, dal titolo “Bondeno e il suo patrimonio culturale tra passato e futuro”, è stato realizzato dal Comune di Bondeno in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna e con l'Associazione Bondeno cultura.
La ricorrenza è particolarmente significativa sotto il profilo culturale e sarà l'occasione per presentare alcuni studi di approfondimento sul tema della stampa, la "rivoluzione inavvertita" come è stata definita dagli studiosi del settore, e per analizzare il contesto storico, artistico e archeologico di Bondeno fra il Quattrocento e il Cinquecento.
Verranno proposte anche altre iniziative che avranno come tema la stampa, i libri, le tecniche originali di stampa e la comunicazione, con un particolare riferimento all’area ferrarese.
Da segnalare lo spazio dedicato ad illustrare come le nuove risorse informatiche - e specificatamente internet - siano in grado di “porsi al servizio” della cultura, nello specifico per quanto attiene al libro antico, si è evidenziato quanto le nuove tecnologie rendano la conoscenza e la fruizione più veloci e accessibili a tutti.
Memoria e futuro viaggiano insieme una volta di più; a questo proposito venerdì22giugnoalleore 17,00pressolaPinacotecacivicadiBondeno si ètenutoanche un'altro convegno, con la partecipazionedell’OrdinedeiGiornalisti (Iacopino, Santini, Lazzaroni), espertidi marketing (Bellavista, Facchini), ricercatori (Biancardi, Beccarla).

 

 




Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn