NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Bondeno: notizie in primo piano

Alienazione beni comunali

asta

Beni alienabili del Comune. Il municipio ha deciso di rimettere in vendita

due proprietà che hanno la caratteristica di avere perduto la loro originale funzione. Per la precisione, si parla dell’ex casa del custode situata nell’area dell’acquedotto di Stellata, e del terreno dove sorgevano le ex scuole di Pilastri, abbattute a seguito dei danni riportati nel sisma del 2012. L’ex casa del custode di Stellata è un immobile costituito da 129 metri quadri adibiti ad area residenziale ed altrettanti occupati da magazzino e garage, con un cortile di 3790 metri quadrati delimitati da recinzione. Come detto, l’edificio si trova in prossimità dell’acquedotto della frazione e nella zona sono presenti numerosi sottoservizi: condotte del gas, un palo dell’illuminazione pubblica, condotte idriche, fognarie ed elettriche. L’edificio andrà all’asta ad un prezzo base di 89mila e 10 euro, con deposito cauzionale previsto di 8.901 euro e un aumento minimo richiesto di 500 euro. Per quanto riguarda il lotto sul quale sorgeva la ex scuola elementare di Pilastri, come detto abbattuta alcuni anni fa, dopo il sisma, si tratta di un appezzamento di terreno di poco superiore ai 2000 metri quadri. Il terreno va in asta ad un prezzo base di 55mila euro, con deposito cauzionale di 5.500 euro e un aumento minimo richiesto di 500 euro. L’asta per entrambe le proprietà comunali (terreno di Pilastri ed ex casa del custode di Stellata) prevede un unico “incanto”, con atto conclusivo il 30 aprile (ore 10) in municipio, in cui saranno assegnati i due immobili. Il plico per la partecipazione al bando andrà consegnato – pena esclusione – in busta sigillata (a mano o con raccomandata) o nelle forme alternative previste, entro le ore 12 del 29 aprile, all’Ufficio Protocollo del Comune di Bondeno.

BANDO ALIENAZIONE IMMOBILI

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn
Altre notizie